Con BioTrust si accede al pc solo guardandolo

20 giu 2011 · News ed Eventi

Il futuro è auto volanti, replicanti e computer che riconoscono il vostro volto e permetteno di accedervi semplicemente guardandoli. Le auto volanti non sono ancora a disposizione (ma già esistono quelle sottomarine) ma il riconoscimento del volto è già realtà, sorprendentemente accessibile. Si chiama BioTrust ($ 13), dotato di semplice interfaccia e chiare istruzioni che rendono la tecnologia di riconoscimento facciale facile per tutti.
Quali sono le chiavi per la sicurezza? Si chiede a un utente di mostrare qualcosa che sa (una password tipicamente), qualcosa che ha (un badge per esempio) o qualcosa che è (impronte digitali o oculari). E’ evidente quale dia maggiori garanzie di sicurezza, perché la più difficile da rubare.

BioTrust pesa 300MB, non certo un’applicazione leggera, ma una volta installato non sembra rallentare il computer e voi sarete molto più leggeri. DaBioTrust si sostituisce la finestra di login, quindi è necessario riavviare il computer immediatamente dopo l’installazione. Il passo dopo è inserire il proprio volto nel sistema. La procedura guidata di registrazione utilizza un concetto chiamato “scene”, in cui ogni scena è composta di immagini multiple del viso da diverse angolazioni. BioTrust prende istantanee del volto, quindi si affida all’algoritmo di riconoscimento, abbastanza intelligente: ha rifiutato immagini con le mani sul mento o a parziale copertura della fronte.

Una volta che siete inseriti, è possibile accedere a Windows semplicemente guardando lo schermo. Ma BioTrust è sensibile alla luce: se originariamente vi siete inseriti nelle ore notturne, quando l’ufficio era relativamente buio, potrebbe avere problemi di accesso durante il giorno. Non preoccupatevi: se non si riesce a effettuare il login utilizzando con il viso, è sufficiente digitare la password di Windows.

Ma non capitano molti errori: è stato in grado di riconoscere il viso in una stanza completamente buia, con solo lo sfondo bianco per l’illuminazione. BioTrust include anche e un gestore di password, che riconosce quando l’utente accede a un sito web e offre di farvi accedere biometricamente in futuro. Al momento della stesura di questo, il gestore delle password è disponibile solo per Internet Explorer, ma 3M Cogent dice che si sta progettando il supporto per Firefox, e poi per Chrome. Anche sotto IE, il gestore delle password non sempre funziona.

Quando si accede a un sito web di cui si è salvato le credenziali in BioTrust, un piccolo pulsante appare nell’angolo della finestra di IE. Una volta cliccato, BioTrust tenta di riconoscere il volto. Quando ci riesce, siete immediatamente connessi.  Nelle aziende ormai lo sanno, è sempre l’uomo l’anello debole nella sicurezza di una rete. Questa tecnologia potrebbe aiutare a ridurre furti di password e l’uso di password troppo facili da indovinare.

PC World Online