Incendio Aruba: deciso il rimborso dei clienti

19 May 2011 · News ed Eventi

I clienti e gli utenti Aruba saranno rimborsati. Non si tratta di un vero e proprio risarcimento in denaro contante, ma di varie “indennità” che verranno fornite o corrisposte dall’azienda sotto forma di servizi, bonus e agevolazioni.

Tale decisione è stata presa dagli stessi vertici dell’azienda, a seguito dell’incendio che aveva colpito la sua server farm di Arezzo.
Intorno alle 4 di notte del 29 aprile scorso, infatti, nella sede toscana di Aruba, si era sviluppato un principio d’incendio, e quest’ultimo aveva provocato il “blocco” di diversi siti internet; il blackout era durato diverse ore, prima del ripristino delle normali attività.

A seguito di tale episodio, le associazioni di consumatori Adoc e Codacons avevano poi paventato l’ipotesi di intraprendere una class action per risarcire gli utenti del danno subito.
In base alla decisione appena presa, in maniera “spontanea”, da Aruba, quest’ultima ipotesi potrebbe quindi essere accantonata dai clienti.

Nella fattispecie, l’azienda la cui server farm è rimasta bloccata a causa del rogo, ha deciso di fornire vari tipi di “indennizzo” per i suoi utenti rimasti vittime del disservizio.
Questri ultimi sarebbero stati avvisati attraverso l’invio di alcune mail da parte di Aruba. Tra i risarcimenti previsti, figura, a seconda dei casi, la possibile attivazione (gratuita) di un servizio di Business Mail, un “buono sconto” del valore di 5 euro per l’acquisto di un prodotto FotoAruba, oppure il prolungamento (sempre gratuito) del contratto stabilito con l’azienda, di circa due settimane.

PianetaTech.it