PostePay o PayPal, quale carta prepagata scegliere per acquistare su internet?

29 Jan 2011 · News ed Eventi

In Italia si sta diffondendo a macchia d’olio l’uso delle carte prepagate per effettuare acquisti sicuri su internet, senza correre il pericolo delle clonazioni delle carte di credito.

I conti correnti online, come ad esempio PayPal e  Moneybookers, associati agli account di posta elettronica crescono a dismisura, grazie alle loro caratteristiche di estraneità dal proprio conto corrente bancario e con costi di gestione e mantenimento pari a zero euro.

Per spendere il denaro ‘virtuale’ in acquisti su internet, viene preferito pagare tramite carta prepagata, in modo che in caso di clonazione viene perso esclusivamente l’importo presente nella carta.

Quindi vi consigliamo di caricare la vostra carta prepagata qualche minuto prima di effettuare il desiderato acquisto, trasferendo sulla carta l’importo necessario, evitando di lasciare cifre considerevoli sulla carta.

Ora vediamo quanto costa trasferire il denaro sulle carte prepagate più diffuse in Italia, con la PostePay e con  PayPal, acquistata nel 2002 da eBay Inc.

  • I costi di attivazione: di PostePay e PayPal sono identici è pari a 5 euro.
  • Gli importi minimi con cui ricaricare le due carte prepagate sono 5 euro per PostaPay, 10 euro per PayPal.
  • La spesa di ricarica della carta prepagata PostePay è di 1 euro, se l’operazione viene effettuata dagli sportelli delle Poste Italiane, mentre se la ricarica viene compiuta presso le ricevitorie Sisal/Lottomatica la spesa è di 2 euro. Per quanto riguarda la prepagata PayPal la spesa di ricarica è pari a 90 centesimi, indipendentemente se viene effettuata tramite bonifico oppure dai punti Sisal/Lottomatica.

PianetaTech.it