Furto dati internet per 16% utenti italiani: password mail e chat

2 ago 2011 · News ed Eventi

Gli italiani spesso sottovalutano il fattore di rischio legato ai propri dati personali immessi su internet.
Questo è quanto appena emerso in una ricerca che ha trattato proprio la sicurezza dei dati internet degli utenti italiani.

L’inchiesta in questione è stata condotta da CPP Italia, azienda che lavora proprio nel campo della sicurezza e tutela dei dati personali.
Ebbene, in base a quanto emerso nello studio in questione, il 16% degli internauti della nostra Penisola ha subito, nel corso degli anni, almeno una violazione dei propri dati personali presenti in rete.
Di questi ultimi, più di tre su dieci (il 35%, per l’esattezza, del campione che ha dichiarato di aver subito tali “violazioni”) hanno affermato di aver subito un danno da tale “furto” dei propri dati immessi in rete.

Nello specifico, a essere state “trafugate”, nel 30% dei casi, sono state le informazioni relative agli account di accesso (vale a dire, username e password, su tutti) a vari servizi internet.
Fra questi, spiccano quindi le informazioni di accesso alle proprie caselle di posta elettronica, ai propri account sui principali social network o siti, oppure sulle varie chat presenti in rete.
Il restante 5% (del 35% che ha avuto dei danni) ha invece subito veri e propri danni economici a seguito del “furto” dei propri dati personali.
Tra questi ultimi, il danno economico “patito” dal 2%, è stato “contenuto” nell’ordine dei 100 euro. Il restate 3% ha invece subito perdite personali fino a ben 1.000 euro.

In molti casi, al di là degli “attacchi” di pirateria informatica, con conseguenti furti di dati, gli utenti possono cercare di limitare tali incursioni attraverso alcuni piccoli e semplici accorgimenti. Uno di questi può essere rappresentato dalla sostituzione delle proprie password di accesso alle varie piattaforme sul web, a scadenze temporali ben precise.
Un accorgimento, questo, che solamente una piccolissima parte di italiani avrebbe ammesso di utilizzare.

PianetaTech.it