Google acquista 1030 brevetti IBM per rafforzare il suo portafoglio

12 ago 2011 · News ed Eventi

Google ha recentemente acquistato una serie di brevetti da International Business Machines Corp. (IBM), per rafforzare il suo portafoglio e difendersi meglio dalla crescente minaccia di azioni legali sulla proprietà intellettuale.

“Come molte aziende di tecnologia, potrà accadere che acquisiremo brevetti che sono rilevanti per il nostro business”, ha dichiarato in una nota l’azienda di Mountain View.

Android, il sistema operativo mobile di Google, è divenuto l’oggetto di almeno 6 procedimenti legali e ciò ha portato alla necessità di aumentare la proprietà intellettuale della società per difendersi nei contenziosi. Quando Google è entrato nel mercato smartphone, nel 2008, possedeva pochissimi brevetti, a differenza dei suoi rivali che erano sul mercato da diversi anni.


Il sistema operativo Android è un programma libero open-source, che si basa su alcune caratteristiche non di proprietà di Google (e non create da Google), che permette a sviluppatori esterni di modificare il codice. Ciò ha lasciato, e lascia, l’azienda vulnerabile alle accuse di aver costruito l’OS sulle spalle di numerose ricerche svolte da altre società tecnologiche.

Google, che può beneficiare di 39,1 milairdi di dollari, tra liquidità e investimenti a breve termine, aveva recentemente offerto 900 milioni per acquistare i brevetti della Nortel Networks Corp., che aveva dichiarato bancarotta, tuttavia la sua offerta era stata superata da quella di una cordata di aziende che includeva AppleMicrosoftResearch In Motion, tutte coalizzate per frenare l’ascesa di Android.

PianetaTech.it