Lanciare comandi su PC remoti con PsExec

4 mar 2011 · News ed Eventi
 

Le soluzioni di controllo remoto come VNC, Windows Live Sync, Desktop Remoto, Synergy o Input Director sono indubbiamente molto utili per lavorare sul proprio PC abituale anche quando non si dispone di un accesso “fisico” allo stesso.

Gli amanti dell’automazione e dello scripting sanno però molto bene che si tratta di soluzioni interattive: in lìobbiettivo sia semplicemente quello di eseguire un singolo comando sul sistema remoto, tale approccio diviene rapidamente molto scomodo.

Si pensi, ad esempio, all’amministratore di sistema che desideri lanciare uno script di manutenzione oppure l’installazione di un aggiornamento sulle centinaia di calcolatori della propria LAN, oppure al power user che desideri predisporre un’icona sul proprio netbook tramite la quale alzare o abbassare il volume del PC fisso utilizzato come Hi-Fi durante una festa in giardino.

PsExec alla riscossa

In tutte le situazioni in cui si desideri lanciare un singolo comando su un sistema remoto, la soluzione si chiama PsExec: un programma gratuito da linea di comando che permette appunto di raggiungere l’obbiettivo con una certa semplicità, e senza la necessità di installare alcunchè sul calcolatore remoto.

Lo strumento, se vogliamo tralasciare alcuni dettagli tecnici, è una sorta di SSH altamente semplificato e dedicato al mondo Microsoft. È compatibile con quasi tutte le versioni, da Windows 2000 fino a Windows 7, passando per le declinazioni “server” e quelle a 64 bit.

Le uniche escluse sono le edizioni “Starter” e “Home”: se il PC che desiderate controllare monta Windows XP Home Edition, Windows Vista Home Basic/Premium eccetera potete interrompere qui la lettura ed installare un server SSH. PsExec non è infatti compatibile con queste declinazioni.

Verifiche pre-volo

Ci sono un paio di condizioni che devono essere soddisfatte prima di poter utilizzare lo strumento:

  • I due PC devono “vedersi” in rete, ed essere in grado di scambiare file e condividere cartelle
  • Dovete essere in possesso delle credenziali d’accesso (nome utente e password dell’account) del PC remoto
  • L’account che intendete utilizzare deve essere protetto da password (potrebbe essere possibile superare questo requisito nel solito modo, ma non ho avuto modo di testare tale scenario)
  • Tale account deve inoltre essere dotato dei privilegi di amministratore
  • È necessario disabilitare la condivisione file semplice sul PC in questione. Per farlo, portarsi su Risorse del Computer -> Strumenti -> Opzioni cartella -> Visualizzazione e rimuovere la spunta da Utilizza condivisione file semplice (scelta consigliata) (chiamata anche Utilizza Configurazione guidata (scelta consigliata) nelle versioni di Windows più recenti)
  • Il PC a cui si accede fisicamente deve essere in grado di aprire la condivisione amministrativa ADMIN$ sul calcolatore remoto. Il modo più semplice per verificarlo è aprire il percorso \NomeComputerRemoto\admin$ e fornire quindi le opportune credenziali. In caso si venisse accolti dall’errore Accesso negato, si veda “Condivisioni amministrative (admin $ , c $ ): cosa sono e come ri-abilitarle sotto Windows 7” prima di proseguire

Predisporre tutto il necessario

Una volta che tutti i pre-requisiti siano soddisfatti, è possibile scaricare il pacchetto “PsTools”, di cui PsExec fa parte, e scompattare PsExec.exe in una directory a piacere.

Per semplificare notevolmente le fasi successive, raccomando di estrarre l’eseguibile nella cartella C:\Windows, ma non è un requisito.

A questo punto, aprite una finestra di comando (impartite cmd.exe da Start -> Esegui (fate riferimento a “Ripristinare il comando “Esegui” in Windows Vista e Windows 7″ in caso non fosse visibile)) e lanciate quindi semplicemente psexec.

Dopo aver accettato la licenza d’uso (proposta solo al primo avvio), dovreste ottenere una videata simile a questa

MLIShot_1.jpg

Se così non fosse, vi raccomando nuovamente di copiare il file PsExec.exe nella directory C:\Windows e riprovare.

In caso tutto sia filato liscio, siamo pronti ad usare il programma per davvero.

MegaLab.it – Articoli