Le città? Devono “pesare” meno sul pianeta

30 mar 2012 · News ed Eventi

Al Planet under pressure di Londra gli scienziati puntano il dito contro urbanizzazione e aumento della popolazione globale, i fattori determinanti per il nostro futuro

Una enorme metropoli grande come mezza Europa. L’espansione globale delle città in meno di venti anni occuperà un’area di 1,5 milioni di chilometri quadrati, pari a Francia, Germania e Spagna messe insieme. Una crescita esponenziale che sarà conseguenza dell’aumento della popolazione umana che dai sette miliardi attuali arriverà ai nove del 2050. Una moltiplicazione di circa un milione di persone a settimana nelle aree metropolitane lungo i prossimi 38 anni. Si parla delle città di domani connesse alla salute degli uomini e all’equilibrio ambientale del Pianeta alla seconda giornata di conferenze di Planet under pressure, evento che richiama a Londra quasi tremila scienziati, riuniti per offrire una serie di direttive “green” al prossimo Summit della Terra dell’Onu Rio +20  in programma a giugno in Brasile. “ La questione non è se urbanizzare ma come – ha detto Michail Fragkias dell’Arizona State University -. Abbiamo il dovere di invertire il modello odierno di selvaggia espansione urbana che mette l’umanità a rischio, causando gravi problemi ambientali”.I centri abitati sono responsabili del 70 per cento delle emissioni di CO2 che, in miliardi di tonnellate metriche, sono stimate a 15 nel 1990 e a 25 nel 2010, e a 36,5 entro il 2030. ” Un’ingegneria consapevole e innovativa delle città è fondamentale e urgente per garantire la sostenibilità globale” ha spiegato Shobhakar Dhakal, direttore del Tokyo-based Global Carbon Project, aggiungendo che “ le aree urbane emergenti possono sfruttare il concetto di sostenibilità e le nuove tecnologie per gestire al meglio nodi cruciali come la spazzatura e i trasporti. L’emergenza ambientale evidenzia in maniera palese che affrontare il cambiamento climatico richiederà l’obbligo di concentrarsi sull’efficienza urbana”. Un esempio? “ L’utilizzo delle condizioni atmosferiche e dell’ora del giorno corretta per la promozione di sistemi di pedaggio che riducano la congestione del traffico”.

La congestione porta, infatti, nelle economie di tutto il mondo un costo stimato dall’1 al 3 per cento del PIL – un problema che non riguarda solo l’inquinamento, ma anche la perdita di tempo: circa 4,2 miliardi di ore nei soli Stati Uniti nel 2005 per un costo stimato a New York di 4 miliardi di dollari all’anno in perdita di produttività. Una vera emergenza se si considera che le città con un milione di abitanti erano meno di venti più di un secolo fa e oggi sono 450, aree urbane che costituiscono le fonti maggiori di inquinamento nonostante coprano meno del cinque per cento della superficie terrestre. ” Abbiamo una opportunità unica – dice Roberto Sánchez-Rodríguez, docente di Scienze Ambientali all’Università della California -. Quella di pianificare l’attesa esplosione urbanistica, al fine di diminuire la pressione sugli ecosistemi, migliorare le condizioni di vita di miliardi di persone ed evitare il verificarsi di catastrofi ambientali globali.

wired – Wired.it



  1. “Meno tasse o ce ne andiamo” Twitter minaccia San Francisco
  2. Nuovi nomi a dominio: dai brand alle città
  3. Italia, meno libri e piu’ Internet
  4. “Internet per tutti ed energia pulita L’Aquila sarà una città intelligente” 
  5. Un atomo per transistor. A meno 200 gradi
  6. “Meno carta, più web” svolta al Washington Post
  7. Password Pc: ecco le più utilizzate e le meno sicure
  8. È rinato il Commodore 64 (più o meno)
  9. Affari digitali, affari d’oro
  10. Natale 2010: meno SMS, “solo” 495 milioni di auguri

Assistenza

Digital 2B s.n.c. - Gestione documentale - Digitalizzazione documenti - Radio Streaming - Informatica a Marsala e Palermo in Sicilia

Facebook

Link Utili