L’hacker delle star di Hollywood rischia fino a 60 anni di carcere

28 mar 2012 · News ed Eventi

Christopher Chaney, 35 anni, di Jacksonville, Florida, si è dichiarato colpevole dell’accusa di pirateria informatica ai danni di celebrità. Si era infiltrato nehgli account di posta di Christina Aguilera, Mila Kunis e Scarlett Johansson diffondendo poi sul web foto private, anche sexy

LOS ANGELES(California, Usa) – È considerato l’hacker delle celebrità: tra le sue vittime Christina Aguilera, Mila Kunis e Scarlett Johansson, che si sono ritrovate sul web foto private; ora rischia fino a 60 anni di carcere e una multa di 2,2 milioni di dollari, pari a circa 1 milione 650mila euro. Christopher Chaney, 35 anni, di Jacksonville, Florida, ieri si è dichiarato colpevole dell’accusa di pirateria informatica ai danni di celebrità. I documenti del tribunale parlano di nove imputazioni, tra cui l’accesso non autorizzato a un computer e numerose intercettazioni. L’arresto per Chaney era scattato in ottobre nell’ambito di un’indagine durata più di un anno sull’hacking nei confronti delle star che le autorità di polizia hanno soprannominato “Operazione Hackerazzi”.

FOTO

I procuratori hanno fatto sapere che Chaney ha hackerato le caselle di posta elettronica di oltre 50 persone nel settore dello spettacolo tra novembre 2010 e ottobre 2011. Alcune foto di nudo della Johansson erano state successivamente pubblicate su internet insieme con immagini private della Aguilera. “Fino a d’ora – ha commentato l’avvocato Christopher Chestnut – Chris si è sempre dimostrato molto collaborativo con i pubblici ministeri. E’ pentito per qualsiasi danno causato alle star e ormai

siamo a una soluzione del caso”. Chaney aveva estratto i dati a disposizione del pubblico per ricavare password e domande di sicurezza per forzare gli account delle celebrità e aveva impostato una funzione di copia e inoltro che gli permetteva di avere tutte le mail inviate e ricevute dalle caselle di posta delle celebrità.

In un’intervista di dicembre su Vanity Fair la Johansson aveva dichiarato che le sue foto di nudo erano in effetti degli scatti per Ryan Reynolds, ora suo ex marito. Chaney ha trasmesso molte delle fotografie in suo possesso a due siti di gossip e a un altro hacker, ma non è stato provato che guadagnasse da questa attività. Dopo aver dato ordine di non mettere l’hacker dietro alle sbarre fino alla sua effettiva condanna, il giudice distrettuale James Otero ha notato che Chaney continuava a introdursi negli account delle star: “Non capisco perché una persona razionale avrebbe continuato con questo tipo di comportamento”, ha commentato Otero.

Come parte del patteggiamento ora l’hacker delle star dovrà pagare un risarcimento alle vittime che va dai 15mila ai 400mila dollari, ovvero dagli 11mila ai 300mila euro. Non è chiaro se la Aguilera, la Kunis e la Johansson scriveranno al giudice o assisteranno alla sentenza ma tutte e tre hanno accettato di rendere pubblico il loro nome dopo l’atto d’accusa annunciato lo scorso ottobre.

Repubblica.it > Tecnologia