Microsoft punta sul “Socl” l’anti-Facebook di Redmond

24 nov 2011 · News ed Eventi

Prove tecniche di rete sociale per la grande M. L’idea è di fornire all’utente un’esperienza nuova, fortemente improntata sulla condivisione di ricerche e risultati. Ma non si sa ancora se il prodotto verrà rilasciato al pubblico

HA UN NOME che inviterà a facili ironie, soprattutto dalle parti dell’Emilia Romagna, ma nel resto del mondo avrà un senso più immediato: “Socl” è il nuovo social network di Microsoft, e anche qualcosa in più. Un ambiente combinato di interazione sociale e ricerca web, con ampi incoraggiamenti alla curiosità dell’utente. Avrebbe dovuto chiamarsi Tulalip, come anticipato qualche tempo fa, ma poi Redmond ha puntato su “Socl”. Ancora non è chiaro se il prodotto verrà mai rilasciato al pubblico. Per ora Microsoft sta conducendo dei test chiusi, che verranno presto aperti al pubblico attraverso un sistema di inviti.

LE FOTO

Un’esperienza diversa. Socl non funziona, almeno in questa fase, con i classici cambi di status e liste di utenti. O almeno, non come standard: è possibile selezionare un’opzione per abilitare questo tipo di comportamento.  Piuttosto, la barra di ricerca in alto serve – appunto – a cercare nel web quello di cui si ha bisogno, e quella ricerca diventa l’oggetto di status. E’ possibile seguire gli amici, ed è possibile per chi segue il flusso dell’utente, taggare e ricondividere i contenuti e gli status “arricchiti” dai risultati delle ricerche di Bing. In questo modo, anche l’aspetto della ricerca sociale è all’attenzione degli sviluppatori:

Socl potrebbe diventare una “hub” di ricerca in tempo reale su servizi e possibilità nei dintorni dell’utente.

Videoparty. Un’altra caratteristica interessante sono i “videoparty”, a cui gli utenti possono partecipare e guardare contenuti di Youtube. Nulla a che vedere con i videoritrovi di Google+, qui si tratta esclusivamente di un’esperienza di fruizione condivisa.

Repubblica.it > Tecnologia