Poker online illegale: denunce a Civitanova Marche

10 mag 2011 · News ed Eventi

Negli ultimi anni il business dei giochi d’azzardo online ha conosciuto un incremento di fatturati molto importante. Spesso, però, questi giochi non rispettano la legge o, in alcuni casi, sono addirittura fraudolenti, grazie a sistemi che alterano le vincite ed i risultati.

E’ il caso dell’operazione condotta dalla Guardia di Finanza di Civitanova Marche e coordinata dalla procura di Macerata, che ha permesso di scoprire un maxi giro di poker online illegale in alcuni esercizi pubblici siti nelle province di Macerata e Fermo.

Le 25 perquisizioni, in bar e circoli privati eseguite dagli uomini delle Fiamme Gialle, hanno portato alla denuncia a piede libero di 41 persone, al sequestro di 160 computer e 5 router, nonchè al recupero di 1,6 milioni di euro accumulati illecitamente dall’autore della truffa, che è risultato anche evasore totale per il fisco.

Il raggiro si basava sulla dislocazione, in alcuni locali, di pc abilitati ad effettuare l’accesso a piattaforme di poker online. Attraverso uno specifico software, il banco giocava a carte scoperte e in base al punto che possedeva sceglieva se cedere la mano.

Il sistema prevedeva che al tavolo on-line ci fossero quattro giocatori, ma nel caso in cui non si riusciva a raggiungere tale numero di partecipanti fisici, intervenivano uno o più giocatori virtuali gestiti direttamente dal banco.

Durante il gioco il banco, utlizzando un’apposito software, era in grado di visualizzare le carte in mano ai giocatori e di conseguenza optava per la mossa più conveniente.

I finanzieri hanno scoperto che il sistema fraudoloento virtuale era gestito dal figlio del promotore del gioco, che gestiva il raggiro dalla propria postazione in casa, a Macerata.

PianetaTech.it