Sms gratis e pubblicitá la scommessa di Fresmee

13 lug 2011 · News ed Eventi

Un nuovo sito, creato da due italiani, offre la possibilità di inviare i messaggi di testo dal web o dai cellulari senza pagare in cambio di un’offerta promozionale personalizzata. Si parte da cinque sms e se ne accumulano per ogni coupon accettato di ALESSANDRO LONGO

ROMA – Ti connetti a Internet e digiti un sms gratis, via web o con un’applicazione del cellulare. “Usciamo stasera a prenderci una pizza?”. “Pizza scontata nel ristorante della tua città, solo per te, stasera”, ti risponde il sito o l’applicazione, con un coupon. E’ questa l’idea di Freesmee.com, sito appena lanciato che sfrutta una tecnologia creata da un gruppo di giovani italiani.

Il servizio è duplice: invio sms e offerte promozionali personalizzate, fornite grazie ad accordi con le aziende specializzate Groupon, Groupalia, Letsbonus, Prezzofelice.

L’utente comincia collegandosi al sito web Fresmee.com, dove può digitare direttamente l’sms gratis o scaricare le relative applicazioni per i principali smartphone, per computer Windows, Mac Os e Linux. Gli sms sono gratuiti verso qualsiasi numero europeo (per ora; presto anche di altri Paesi).

Il servizio si appoggia infatti a 40 siti che consentono di mandare messaggi gratis (un po’ come fanno Skebby, Jacksms e analoghi). L’utente ha a disposizione, all’inizio, cinque sms gratis, ma ne accumula uno ogni volta che appare un’offerta promozionale. Questa è personalizzata (nel luogo e nel prodotto) perché il sistema interpreta, in meno di un secondo, il senso del messaggio, nelle lingue italiano e inglese (a breve lo spagnolo). In media, il 40 per cento dei messaggi genera un’offerta. L’utente può

anche comprare sms, a 6 cent l’uno. Per accettare l’offerta, basta un clic sul coupon visualizzato (e quindi si paga come si farebbe sul sito di Groupon).

“Abbiamo creato un algoritmo di interpretazione semantica, che riesce a capire che cosa scrivi, quando lo scrivi e a chi scrivi. La sfida è riuscirci con gli sms, che sono molto corti, ricchi di abbreviazioni e privi di frasi consecutive”, dice Alessandro Bruzzi, 24 anni, bocconiano, uno degli ideatori del servizio. L’altro è Dario Guarascio, fondatore di Jacksms. Si sono avvalsi della consulenza di docenti di semantica delle università di Bari e di Firenze. “Il sistema tiene conto anche degli sms già inviati da quella persona, per farne un profilo comportamentale e capire la propensione all’acquisto. Tutti fattori che servono a personalizzare l’offerta”, aggiunge.

Il team è di 15 persone, tra i 20 e i 26 anni, che si sono trasferiti a New York per creare Freesmee: hanno ricevuto infatti un finanziamento di 150 mila dollari da Mobile Avenue Solutions (presso i cui uffici ora lavorano). “Entro fine anno, investiranno vari venture capital americani, per circa 1-2 milioni di dollari”, aggiunge Bruzzi.

Ma le fonti di ricavo quali sono? «Groupon e altri, che forniscono le proprie offerte ai nostri utenti, ci danno una percentuale sugli acquisti o in base al traffico veicolato», spiega Bruzzi. Se il business reggerà e se gli utenti gradiranno, lo diranno i prossimi mesi.

Repubblica.it > Tecnologia