Svizzera, accesso negato per Street View

9 apr 2011 · News ed Eventi

Il servizio di Mountain View deve garantire la privacy dei cittadini al cento per cento. Volti, targhe, e aree interne delle abitazioni devono essere sfocate. A priori, anche manualmente

Roma – Il servizio Street View registra l’ennesima sconfitta. Questa volta è la Svizzera, stato da sempre attento alla tutela della privacy dei propri cittadini e che già da tempo aveva manifestato le sue perplessità sul grande occhio di Google, ad osteggiare il servizio. Una sentenza emessa dal tribunale amministrativo federale (TAF), al termine di un contenzioso che si trascina da tempo, ha dato torto al servizio di mappatura di Google concordando con le argomentazioni portate alla luce dall’Hanspeter Thur, l’ufficio federale per la protezione dei dati.Il servizio di Mountain View dovrebbe garantire che le singole persone immortalate al passaggio delle Google Car non debbano essere riconosciute, che si debbano rimuovere assolutamente aree interne delle abitazioni, giardini e strade private e che le targhe dei veicoli debbano essere offuscate. Inoltre, si impone l’obbligo al servizio di mappatura di comunicare, con almeno una settimana di anticipo, le città che verranno fotografate e ciò che intendono pubblicare online. 

Grazie anche all’ausilio di un software che interviene automaticamente, circa il 99 per cento dei volti e delle targhe sarebbero già stati resi irriconoscibili. Ma tale dato rappresenterebbe una quota ancora insufficiente per l’incaricato federale della protezione dei dati che si sta occupando della questione. BigG dovrà, pertanto, sfumare il resto delle immagini manualmente, nonostante tale soluzione – stando a quanto rammentato dalla società – abbia costi supplementari ed ingenti oltre che risultare un’operazione logisticamente impossibile.

Nella decisione il TAF ha ribadito che è vietato fotografare una persona senza esplicito consenso. “Ognuno ha diritto di proteggere la propria immagine e ciò fa parte del diritto più ampio della salvaguardia della personalità. “Nell’ambito della protezione dei dati – ha sottolineato il TAF – il diritto all’autodeterminazione in materia di informazione è garantito dalla Costituzione federale”. Il Tribunale amministrativo federale tiene a precisare che non si tratta di vietare Google Street View ma che semplicemente vanno pubblicate online soltanto immagini che salvaguardano il diritto della personalità. e che tale protezione deve essere rispettata in maniera ancora più accurata in prossimità di luoghi “sensibili” quali ospedali, prigioni, tribunali o sedi di servizi sociali.

Per Google vi è ancora la possibilità di ricorrere in appello e portare il caso all’attenzione del Tribunale federale della Svizzera. Mountain View ha dichiarato di essere di essere contraria alla decisione presa dal TAF affermando che gli obblighi imposti a seguito della sentenza sono praticamente inattuabili.

A seguito della decisione Mountain View ha dichiarato: “Siamo molto delusi perché Street View ha dimostrato di essere molto utile a milioni di persone, ma anche ad imprese ed enti turistici. Più di un quarto della popolazione svizzera ha usato il servizio non appena è stato lanciato nel Paese”. “Noi – ha concluso – chiediamo ora del tempo per considerare tale decisione e per valutare le nostre opzioni per ricorrere in appello”.

Raffaella Gargiulo

Punto Informatico