Skype, un bug all’origine del blackout

5 gen 2011 · News ed Eventi

L’azienda lussemburghese spiega in dettaglio che cosa è andato storto poco prima di Natale. La colpa del crash del servizio va ascritta a un bug in una vecchia versione del client per Windows, dice Skype

Roma – Tornando a parlare del blackout al servizio di telefonia VoIP sperimentato una decina di giorni fa, Skype dice che la colpa è tutta di un bug nel client software più usato e della pigrizia degli utenti di sistemi operativi Windows. Il primo ha generato una devastante serie di crash a catena, spiega l’azienda, mentre i secondi sono colpevoli per non aver installato in massa l’ultima versione disponibile del programma mondata del problema.Ci sono volute circa 24 ore per ripristinare il servizio di VoIP più usato in assoluto, e Skype dice che all’origine del problema c’è stato un sovraccarico dei server deputati al messaging offline con la successiva lentezza nella gestione del traffico. La condizione di overload ha fatto scattare il baco nel client Windows, e in particolare nella versione più usata (5.0.0152) che ha inesorabilmente portato al crash del programma.

L’improvvisa scarsità di “supernodi” disponibili per il routing del servizio – poi risolta con l’attivazione di nuovi supernodi direttamente ad opera dell’azienda – è dovuta al fatto che il client 5.0.0152 era installato sul 40 per cento dei sistemi degli utenti Windows, che a loro volta rappresentano il 50 per cento della totalità dei netizen che usano Skype.

Poco – o meglio, molto – importa che al momento del crash fosse già disponibile un client aggiornato privo del bug in oggetto: la perniciosa tendenza degli utenti a usare software non aggiornato ha contribuito a peggiorare un problema che avrebbe potuto fare molti meno danni di quanto poi verificatosi a cavallo tra il 22 e il 23 dicembre scorsi.

Sia come sia, Skype guarda avanti, consiglia l’update continuo e offre voucher per chiamate gratuita a quanti fossero stati impossibilitati a usare il servizio nelle fatidiche ore del blackout sistemico pre-natalizio. Le novità a cavallo di capodanno portano in dote anche una versione aggiornata di Skype (3.0) per piattaforme iOS, grazie alla quale è ora possibile videochiamare anche su iPhone/iPad/iPod Touch con tanto di supporto alla rete 3G oltre al WiFi.

Alfonso Maruccia

Punto Informatico

Skype fuori uso: cosa è successo?

26 dic 2010 · News ed Eventi

Uno dei software più utilizzati per le chiamate Voip, ha passato un mercoledì nero: stiamo parlando di Skype, programma gratuito che permette di chiamare e video chiamare da un computer ad un altro senza alcun costo. Ieri chi provava ad accedere a Skype riscontrava l’impossibilità ad effettuare il login, mentre i pochi fortunati che riuscivano a loggarsi, trovavano tantissimi problemi tecnici che di fatto impedivano di utilizzare il software. Cosa è successo? Ce lo spiegano i responsabili dello stesso software sul blog ufficiale.

“Skype non è una rete come quella telefonica convenzionale oppure d’instant messaging, ma si basa su milioni di singole connessioni tra computer e telefoni per mantenersi funzionante. Alcuni di questi computer sono ciò che noi chiamiamo supernodi, perché agiscono un po’ come directory per Skype. Se volete parlare con qualcuno e la vostra applicazione Skype non li trova immediatamente, il vostro computer o telefono inizierà a cercare un supernodo e a trovare un modo per raggiungerli. Sfortunatamente in queste ore molti questi sono andati offline per un problema che riguarda numerose versioni di Skype. Dato che il sistema conta sulla capacità di mantenere il collegamento con i supernodi, alcuni di voi potrebbero essere offline”.

La nota prosegue con le scuse di tutto lo staff di Skype agli utenti che non sono riusciti a collegarsi e con la notizia che in queste ore sono stati ricreati nuovi supernodi. Da Skype fanno sapere inoltre che sono al lavoro ancora per sistemare il problema e che nella giornata di oggi, al massimo domani, tutto potrebbe essere sistemato.

WeGeek.net

Skype non funziona, blackout mondiale

23 dic 2010 · News ed Eventi

Dal tardo pomeriggio di ieri 23 dicembre, la rete Skype sembra essere collassata. Gli utenti collegati gradualmente hanno visto il loro client disconnettersi, chi invece tentava di farlo restava in attesa per diversi minuti prima di vedere il proprio stato unicamente nella posizione Non in linea. A distanza di oltre 12 ore il problema sembra non essersi risolto.

Inizialmente Skype aveva pubblicato sul suo profilo @skype su Twitter alcuni aggiornamenti, poi scomparsi, e l’unica notizia al riguardo è presente sul blog The Big Blog della stessa azienda. Secondo quanto riportato da Peter Parkes sul blog, alcuni supernodi, necessari a mantenere attiva la rete Skype e l’interfaccia di collegamento alla rete telefonica tradizionale, sarebbero andati offline a causa di un problema che “affligge alcune versioni di Skype“. Una probabile vulnerabilità , quindi, alla base degli inconvenienti che hanno portato al blackout di queste ore.

Stando agli ultimi aggiornamenti, gli ingegneri di Skype stanno lavorando per creare nuovi supernodi e, fino ad allora, l’accesso alla rete sarà  difficoltosa se non impossibile. Il funzionamento è a singhiozzo ed è probabile che molti vostri amici e colleghi non riescano ad accedervi. àˆ probabile che nel corso della giornata le cose tornino alla normalità , ma si tratta comunque di un grosso inconveniente per l’azienda che proprio nei giorni scorsi aveva offerto un mese di chiamate gratuite verso una qualsiasi nazione del mondo (con il pagamento di un canone minimo a partire dal secondo mese) proprio in occasione delle festività  natalizie.

Aggiorneremo la notizia non appena Skype comunicherà  ufficialmente di aver risolto il problema.

PC World News

Messaggistica di Skype, Messeger e altri senza installare nessun programma? Imo.im è la soluzione!

22 dic 2010 · News ed Eventi

Mettiamo il caso che siate fuori casa per lavoro. Improvvisamente avete bisogno di avere la messaggistica di Skype, ma siete su un computer dell’azienda e non potete quindi avere il programma apposito. Che fare? La soluzione c’è, e si chiama imo.im! Questo sito web offre la possibilità  di connettersi ai circuiti di Skype, Windows Live Messenger, AIM, MySpace, Facebook, Yahoo!, Google Talk e Jabber senza installare nessun programma sul sistema.

Utilizzo del sito

Andando sul sito, vi troverete davanti ad una schermata come questa:

Imo 1.JPG

Come potete vedere, c’è una casella dove potete selezionare il tipo di account di messaggistica che volete usare, e due campi dove inserire l’username e la password.

In questo caso io mi connetterò con un account Windows Live. Una volta selezionato il tipo di account e inserite le credenziali, cliccando su Sign on apparirà  una schermata del genere:

Imo 2.JPG

Principalmente l’interfaccia offre due sezioni. In alto a destra potete gestire l’account, e cliccando su Accedi con più account potrete effettuare l’accesso con più account anche diversi contemporaneamente.

A destra, invece, troverete il campo con tutti i contatti, dove saranno segnalati con un iconcina verde quelli attualmente connessi, e con una rossa quelli offline. Potete pure aggiungere nuovi contatti alla lista, e, passando il mouse sopra un contatto, apparirà  una schermata dove potete eliminare, bloccare o rinominare quelli presenti.

Cliccando invece sopra il nome del contatto, apparirà  la schermata di chat:

Imo 3.JPG

E possibile vedere le precedenti conversazioni con l’utente selezionato, inviargli un file, effettuare una chiamata vocale o una videochiamata.

Per disconnettersi dall’account, basta abbandonare la pagina, o cliccare su Disconnetti in alto a sinistra.

Considerazioni

àˆ un sito web chesto usando da qualche tempo con soddisfazione, potendo avere tutti gli account di messaggistica con una sola pagina, senza dover installare programmi che appesantiscono il sistema.

Non ho avuto mai nessun problema con la chat, che si è rivelata molto veloce e stabile.

L’unica pecca è l’assenza delle emoticons, ma nel complesso, lo reputo un ottimo servizio.

» Imo.im

MegaLab.it – Articoli