XO-3, 100 dollari di tablet

18 gen 2012 · News ed Eventi

Il laptop economico di Nicholas Negroponte si trasforma in un gadget con schermo touch e, dalla vetrina del CES, si prepara ad approdare nei paesi in via di sviluppo. Ma la concorrenza è ampia e agguerrita

Roma – Nato come incubatore di laptop economici per favorire la diffusione della società dell’informazione nei paesi emergenti e in via di sviluppo, il progetto OLPC di Nicholas Negroponte si è ora incarnato in un tablet con schermo touch mostrato per la prima volta al CES di Las Vegas di questa settimana.

XO-3 è un tablet a basso costo pensato per l’utilizzo in ambienti non particolarmente accoglienti per i gadget hi-tech, dotato di imbottitura e alimentato a energia solare – o in alternativa caricato con manovella. Lo schermo può essere standard o un LCD sviluppato da Pixel Qi per favorire la leggibilità alla luce del Sole.

La dotazione di XO-3 comprende inoltre un chip SoC ARM ARMADA PXA618 da 1 GHz realizzato da Marvell Semiconductor, connettività WiFi (chip SoC Avastar), 512 Megabyte di memoria RAM, schermo da 8 pollici con risoluzione 1024×768 e supporto per sistema operativo Linux o Android. Il costo? 100 dollari statunitensi.

Rispetto al laptop XO 1,75, dicono da OLPC, il tablet XO-3 usa una quantità significativamente inferiore di energia, “un problema fondamentale” per gli studenti presenti nei paesi in via di sviluppo. Il nuovo gadget touch è “il naturale successore dei nostri laptop attuali”, dice il CTO di OLPC Edward McNierney, con la speranza naturalmente che il dispositivo superi i numeri sin qui raccolti dal progetto, più di 2,4 milioni di unità consegnate in 42 paesi e 25 lingue diverse.

Per quanto riguarda la connettività e il networking, infine, Marvell Semuconductor arricchisce la dotazione di XO-3 con un prodotto accessorio chiamato Smile Plug – un kit di sviluppo WiFi con cui le classi scolastiche potranno creare “micro cloud” su server in grado di supportare 60 diversi dispositivi connessi (laptop, smartphone e tablet).

Riuscirà XO-3 a superare in popolarità il laptop OLPC in un mercato recente ma già particolarmente inflazionato come quello dei tablet e dei gadget touch? La concorrenza è agguerrita, anzi spietata e comprende anche Aakash, il tablet indiano meno costoso al mondo. In quest’ultimo caso si parla già di 1,4 milioni di prenotazioni per un prodotto che dovrebbe costare meno di 50 dollari.

Alfonso Maruccia

fonte immagine

Punto Informatico