YouTube punta al primo sguardo

3 giu 2011 · News ed Eventi

Un nuovo progetto pubblicitario. Il primo video della giornata sarà preceduto da uno spot. First Watch riguarda solo i partner commerciali, ma il successo non è tardato ad arrivare

Roma – Ci si chiedeva, da più parti, quale fosse il vantaggio di Google rispetto agli ultimi e ingenti investimenti che hanno visto YouTube sempre più immersa nello streaming online. La pubblicità, si era detto, e ora pare essere arrivata la conferma. Il Tubo ha lanciato una nuovo servizio pubblicitario denominato First Watch, opzione che consente agli inserzionisti di acquistare pre-roll sul primo video del giorno cliccato dall’utente.I pre-roll sono gli spot che compaiono prima dell’avvio del video. In pratica, si tratta di una estensione delle pubblicità che stazionano in homepage e che, ora, vengono attivate prima della visione della clip scelta. Se le prime, infatti, catturano gli utenti nel momento in cui accedono al sito, le seconde dovrebbero intercettare utenti in maniera collaterale, per esempio cliccando sul video inviato da un amico.

Una stagione densa di revenue pubblicitarie per il Tubo. Lo conferma Baljeet Singh, manager che presiede alla monetizzazione dei video del Tubo, secondo il quale questi spot hanno segnato un successo talmente elevato da essere venduti fino all’esaurimento. È stato naturale, allora, pensare a come estendere l’offerta per i pubblicitari e il risultato è stato, appunto, First Watch.

I primi clienti coinvolti nel progetto sono stati Tommy Hilfiger, Hotels.com, il canale via cavo Lifetime, Macy’s e Virgin Mobile.
Secondo Singh, il programma sta funzionando davvero bene, generando un’alta percentuale di click. Una performance che, per quantificare, si attesta intorno all’1 per cento registrato in questi giorni. Un successo che riguarda solo i video dei partner e non i contenuti generati dagli utenti.

Nonostante i pre-roll siano sempre stati sgraditi agli utenti, il Tubo sostiene che la tendenza stia cambiando grazie alla capacità degli inserzionisti di creare pubblicità migliori e grazie anche al merito di saper calibrare le inserzioni rispetto ai dati demografici specifici.

Dando uno sguardo panoramico agli ultimi movimenti di mercato di Google, First Watch sembra rientrare nella decisione di investire nelle trasmissioni in real-time che, oltre a mantenere connessi tra loro gli spettatori, manterranno incollati al video per più tempo milioni di utenti, risorsa succulenta per gli inserzionisti.

Cristina Sciannamblo

Punto Informatico